Informazioni sul sistema di valutazione ISL

Nello sport di squadra, la metrica a punti più comune è il “punteggio”. Più che il risultato in sé, il punteggio è il segno di riconoscimento per gli atleti che determina i vincitori e i perdenti.

Eppure, sappiamo tutti, sentiamo tutti, che la prestazione non è solo una logica contabile, che lo sport non può essere ridotto a una serie di numeri o a una classifica di fine stagione, altrimenti la magia, l’emozione che fornisce è quella di svanire.

Allora, cosa si può fare?

Credo fermamente che la matematica sia un forte pilastro dello sport. Formule e calcoli traducono prestazioni che, il più delle volte, sono impossibili da indovinare. È attraverso cifre chiave basate su caratteristiche standardizzate che ogni sport è stato in grado di educare il pubblico sulle prestazioni.

Ma, d’altra parte, la matematica non può essere l’unica via d’accesso per comprendere l’essenza del risultato sportivo.

Così come abbiamo due sfere distinte nel nostro cervello, una che analizza e rompe i problemi, l’altra che guarda al quadro generale e innova, così nello sport abbiamo due componenti da tenere in considerazione: la forma fisica, ma anche l’emozione e la psicologia.

Un atleta può trovarsi nella migliore condizione fisica del mondo, se non ha la capacità di controllare le proprie emozioni, si perderà la vera performance.

Per questo motivo, una delle ultime innovazioni di ISL è l’implementazione di questo aspetto in un sistema di punteggio unico per l’atleta, appositamente progettato per questo scopo.

Fino ad oggi, nessuna disciplina sportiva ha offerto un sistema di punteggio dettagliato e competitivo che combini equità e dinamismo con la capacità di creare una narrazione per il pubblico.

Incorporando le penalità, permettendo cambiamenti quando la competizione è già iniziata e creando una struttura in cui la squadra vincente ha la possibilità di prendere punti dalla squadra perdente, ISL aggiunge un quadro psicologico alla classifica matematica.

Così facendo, introduce anche la strategia nel gioco, tenendo conto di tutte le entrate e le uscite della competizione. Questa originale modalità di punteggio riporta la competizione a livello di gioco moltiplicando gli eventi imprevedibili, causando molti colpi di scena e di conseguenza suspense.

Il più delle volte, prima di una gara di nuoto tradizionale, si ha l’impressione di avere sulla linea di partenza otto atleti che si ricorda vagamente di aver visto in eventi precedenti. Tuttavia, non si è in grado di valutare oggettivamente le loro condizioni attuali e di determinare chi ha le migliori possibilità di vincere quella particolare gara.

Ma il sistema di punteggio ISL fornisce queste informazioni al pubblico, creando una dimensione extra di attesa e di suspense per il pubblico: “La mia previsione è corretta?

Il sistema che abbiamo messo in atto risponde ad alcuni criteri:

  • Il tempo non è più il fattore principale. Piuttosto che “quanto ha nuotato il nuotatore”, che focalizza l’attenzione degli spettatori più sul cronografo che sull’atleta, la logica qui applicata è “chi batte chi”. I punti determinano quindi l’effettivo grado di prestazione;
    Ogni atleta ha valutazioni separate, che consistono in valutazioni di eventi individuali, valutazioni di gare a staffetta e valutazioni di gare a pelle. Il rating aggregato è la somma di tutti i rating di un atleta e riflette il valore dell’atleta nella Lega. Se il rating di un atleta è superiore al rating iniziale, significa che ha più valore di un atleta medio e viceversa;
  • L’intero sistema sviluppato qui ha un numero fisso di punti, il che significa che quando un atleta/team vince una gara, un altro atleta/team perde punti. Questo approccio a somma zero porta incertezza al gioco, con i risultati di un atleta che influenzano i risultati di un altro;
  • Il valore totale dei punti nel sistema di valutazione aumenta o diminuisce solo se un nuotatore si unisce o lascia ISL;
    Ogni nuovo atleta che si iscrive a ISL riceve lo stesso numero medio di punti. La valutazione iniziale (valutazione di un atleta che è nuovo nella Lega) per tutte le singole manche si presume sia di 1000, 500 nelle gare a staffetta e 2300 per le gare di skin;
  • E ‘molto importante per gli atleti che non hanno partecipato al calore discusso che il rating dovrebbe essere ancora ridotto. L’aspettativa matematica dovrebbe riflettere il numero di punti che ogni atleta può potenzialmente segnare nella prossima partita nell’evento in questione, indipendentemente dal fatto che vi partecipi o meno. Naturalmente, se un atleta non partecipa all’evento discusso, il suo punteggio in questo evento dovrebbe avvicinarsi a 0. Nel corso del tempo, anche l’aspettativa matematica di ottenere punti nel prossimo match nell’evento in questione si avvicina a 0, a causa del fatto che l’atleta molto probabilmente non parteciperà all’evento discusso;
  • Quando un nuovo atleta inizia a gareggiare nel campionato, si considera che abbia partecipato a “N” partite virtuali prima del suo debutto. In questo caso, ha guadagnato la sua valutazione iniziale in ogni evento in quelle partite virtuali. “N” – Il numero di partite su cui viene effettuata la media per ottenere la valutazione dell’atleta;
  • Per il calcolo delle valutazioni delle società che non sono arrivate ai playoff o alle finali, si considera che abbiano partecipato ai playoff e alle finali virtuali. La valutazione ricevuta dagli atleti in questi incontri virtuali è pari alla loro valutazione iniziale in campionato. L’introduzione dei playoff e delle finali virtuali è stata fatta per garantire che il rating dell’atleta sia calcolato su un numero uguale di partite dopo la fine della stagione, così come per dare un vantaggio di rating agli atleti che sono arrivati ai playoff.

Glossario delle formule:

Nota: per ogni formula di qui, l’alfa (α) è un valore scelto (pari a 0,3)

- valutazione istantanea dell'atleta "A" dopo l'evento "i".
- la somma dei voti medi (media delle ultime 10 partite) di tutti gli atleti partecipanti all'evento "i".
- punti che l'atleta "A" ha ottenuto durante l'evento in questione.
- la valutazione media (media delle ultime 10 partite) dell'atleta "A" prima dell'evento "I".
- valutazione totale della squadra dell'atleta "A" (una somma di tutte le valutazioni medie della squadra).

*per ogni atleta partecipante
**per ogni atleta non partecipante idoneo

  • Al sistema di valutazione si applicano formule diverse a seconda del tipo di gara: individui, staffette o Skins: un formato di gara che è eliminatorio e le cui prestazioni fisiche sono spettacolari;

*per ogni atleta partecipante
**per ogni atleta non partecipante idoneo

Individuale gara

*per ogni atleta partecipante
**per ogni atleta non partecipante idoneo

Staffetta

*per ogni atleta partecipante
**per ogni atleta non partecipante idoneo

Staffetta misto

*per ogni atleta partecipante
**per ogni atleta non partecipante idoneo

Australiana

  • Infine, più difficile è una gara, più punti otterrà il vincitore. In altre parole, se una manche (gruppo di nuotatori che nuotano una gara allo stesso tempo) è composta da nuotatori di alto livello, il vincitore otterrà più punti di una manche con quelli di basso livello. Questo soddisfa gli standard e i valori di ISL che favoriscono i velocisti a stelle e strisce.

L’intero sistema porta il nuoto in una nuova era e lo rende un nuovo sport. Il tempo non è più l’unico fattore di performance. Incoraggiando l’imprevedibilità e la competizione reale tra gli atleti, ISL dà nuovo slancio al futuro dello sport conciliando la gamification e la performance.

Il punto chiave di quella che sembra una vera e propria rivoluzione è che tutto è stato progettato, costruito e realizzato per offrire la migliore esperienza immersiva a spettatori e spettatori. In questo modo, ISL porta la competizione di nuoto ben oltre l’evento sportivo per estenderla nel regno dell’intrattenimento e del gioco strategico per riaccendere finalmente lo sport.

Di Konstantin Grigorishin, Fondatore e Presidente – Lega Internazionale di Nuoto